Dimentica di disattivare l'app e corre per 30 km: vicesindaco nei guai

Una corsa che è costata cara al vice sindaco di Caldarola, paesino del marchigiano. Giovanni Ciarlantini, questo il suo nome, nonostante i divieti dovuti all'emergenza Coronavirus, è uscito di casa per fare jogging e ha percorso circa 30 km, andando ben oltre il suo Comune di residenza. Peccato però che abbia dimenticato di disattivare l’app che registra e pubblica automaticamente le performance sportive su Facebook. Beccato e multato per violazione del decreto.

“IoRestoaCasa”: CONSIGLI PER VIVERE MEGLIO LA QUARANTENA

Le dimissioni

"Era quasi notte, portavo sciarpa e guanti e non ho incontrato anima viva, però ho sbagliato e ho pagato per questo. Non succederà più", ha spiegato l'uomo che è stato costretto a dimettersi dalla carica pubblica. "È stato un fatto grave: impossibile far finta di niente", ha commentato il sindaco di Caldarola, Luca Giuseppetti.

CORONAVIRUS, SEGNALI DI SPERANZA | LE BUONE NOTIZIE

GUARDA ANCHE: Passeggiate e jogging, regole diverse in alcune regioni