Dimenticano la figlia di 5 anni all'aeroporto, genitori nei guai

Sola all’aeroporto (foto: Getty)

Mamma ho perso l’aereo‘ e relativo sequel sono film oggettivamente molto fantasiosi. Se vi ricordate la trama, è quasi impossibile che possa essere riprodotta una situazione del genere. E invece…

Siamo a Stoccarda, all’aeroporto. Una bambina di cinque anni vaga da sola all’interno della struttura, silenziosamente in preda al panico, cercando la mamma e il papà. Che non ci sono. Alcune persone la notano, le chiedono il nome e provano a indagare, ma nulla da fare. Portano la bambina alle forze dell’ordine, e gli addetti alla sicurezza dell’aeroporto si occupano subito del caso. La trasferiscono al sicuro, poi annunciano attraverso gli altoparlanti del ritrovamento della bambina. Nessuno risponde, e tutti si chiedono: cosa sta succedendo?

La faccenda comincia a diventare imbarazzante quando si scopre che i genitori sono andati già via dall’aeroporto. In pratica, si sono dimenticati della loro bambina. Dopo qualche ora, la polizia di Stoccarda riesce a contattare i genitori, che si sono resi protagonisti del peggior equivoco possibile.

Sostanzialmente i due sono arrivati all’aeroporto di Stoccarda con due auto diverse, e con le stesse sono ripartiti; entrambi hanno pensato che la bambina fosse salita nella macchina dell’altro e non si sono sostanzialmente accorti di nulla fino al momento di rincasare. Un’organizzazione pessima, per usare un eufemismo.

Dopo la chiamata della polizia, i genitori sono arrivati, piuttosto scossi, a prendere la bambina.

I due hanno discusso animatamente in privato prima di recitare il mea culpa davanti ai poliziotti, che hanno avuto il buon cuore di non arrestarli. Tuttavia pende su di loro l’accusa di abbandono di minore. Non si sa dove andrà a finire questa storia, che è il sintomo di una società così frettolosa da lasciare indietro la prole; tuttavia possiamo dire con certezza che la realtà è molto diversa da quella di ‘Mamma ho perso l’aereo’!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: