Dimissioni Di Maio, il messaggio di Chiara Appendino: “Grazie Luigi”

dimissioni-di-maio-chiara-appendino

A poche ore dalle dimissioni di Luigi Di Maio da capo politico del M5s arriva il messaggio della sindaca di Torino Chiara Appendino, che ringrazia il ministro degli Esteri per il lavoro svolto in questi anni sia al governo del Pese che alla guida del Movimento. La prima cittadina torinese ha voluto sottolineare perché secondo lei Luigi Di Maio abbia rappresentato il simbolo di una rivoluzione culturale portata avanti dal M5s durante i due esecutivi guidati da Giuseppe Conte.

Dimissioni Di Maio, parla Appendino

Nella sua lettera aperta di Luigi Di Maio Chiara Appendino ricorda gli esordi politici dell’ormai ex leader del M5s, da quando nel lontano 2013 venne eletto per la prima volta alla Camera dei Deputati: “I fatti sono che tu, a 26 anni, con tutti gli errori che si possono fare a quell’età, sei diventato il punto di riferimento obbligato di un movimento destinato a diventare, pochi anni dopo, la prima forza politica nel Paese. Successivamente ne sei diventato il capo politico, veste in cui abbiamo visto quel famoso 33% delle elezioni Politiche del 2018. Quanto sembrano lontani quei giorni, eppure sono passati meno di due anni”.

Poi la sindaca menziona il capitolo dei due governi Conte e soprattutto della difficile transizione dall’alleanza con la Lega a quella con il Pd dello scorso settembre: “Scelta, quest’ultima, in cui ti ho sempre appoggiato e che sono certa tuttora sia stata la decisione migliore. Tutto ciò nel contesto di un Paese ormai assuefatto alla sovraesposizione mediatica in ogni dove e ad ogni ora del giorno, all’ingordigia fatta cifra d’immagine, a slogan falsi come una banconota da tre euro”.

I ringraziamenti della sindaca

In conclusione al suo messaggio, Chiara Appendino ringrazia Luigi Di Maio per il suo contributo alla vita del Movimento auspicando un futuro di lavoro assieme: “Io ti voglio ringraziare. Voglio dirti grazie perché nonostante tutto, anche nonostante gli errori, che inevitabilmente ci sono stati, non hai mai mollato. […] Adesso non so come e quanto cambieranno le cose ma sono certa che lavoreremo ancora insieme per continuare a credere in questo progetto politico e riuscire, in ogni modo possibile, a preparare un futuro migliore per noi e per i nostri figli”.