D'Incà: anche Pd vota taglio parlamentari, rivedremo l.elettorale

Pol/Arc

Roma, 23 set. (askanews) - "Abbiamo già deciso in agosto, durante il programma fatto insieme, di passare subito alla votazione di questo importantissimo passaggio, che renderà più efficace e efficiente la nostra democrazia, avendo anche dei risparmi di cinquecento milioni di euro in cinque anni. Sono convintissimo che lo voterà anche il Pd, lo hanno affermato anche nelle ultime giornate, dall'altra parte occorrerà andare a fare alcuni miglioramenti sotto il profilo costituzionale e sulla legge elettorale, perché l'attuale non definisce una corretta rappresentatività del territorio". Lo ha detto a Start, il nuovo approfondimento politico Sky TG24, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D'Incà, parlando del taglio dei parlamentari.

"Credo - ha proseguito - che vi siano tutti quanti gli stimoli per poter correggere, dopo il taglio dei parlamentari, alcune situazioni che in questo momento potrebbero provocare distorsioni nella democrazia, dall'altra per la legge elettorale il tavolo è aperto e faremo le opportune verifiche".

"Credo ci sia la possibilità di cambiare un clima di odio - ha osservato ancora l'esponente M5s - che si era creato nel corso del tempo, credo che l'Italia abbia bisogno di un linguaggio più mite e di una politica decisa che renda il Paese stabile. Guidati da un presidente del consiglio come Conte, che ha dimostrato in Europa solidità e forza, credo che riusciremo ad ottenere grandi risultati".