Dipendente in pensione, Papa le dedica messa: mia famiglia larga -3-

Ska

Città del Vaticano, 14 feb. (askanews) - Peccare, perdere la pazienza e poi chiedere scusa. Si fa così in famiglia, spiega il Papa. "Io vorrei ringraziare per la pazienza delle persone che ci accompagnano - sottolinea il Papa - e chiedere scusa per le nostre mancanze". Il Papa conclude così: "Oggi è un giorno per ringraziare e chiedere scusa, dal cuore, ognuno di noi, alle persone che ci accompagnano nella vita, per un pezzo della vita, per tutta la vita... E vorrei approfittare di questo congedo di Patrizia per fare con voi questo atto di memoria, di ringraziamento, e anche di chiedere scusa alle persone che ci accompagnano. Ognuno di noi lo faccia con le persone che abitualmente lo accompagnano. E a coloro che lavorano qui a casa, un 'grazie' grande grande grande. E a lei, Patrizia, che incominci questa seconda parte della vita, altri 40 anni!".