Dipendente in pensione, Papa le dedica messa: mia famiglia larga

Ska

Città del Vaticano, 14 feb. (askanews) - Il calore di Casa Santa Marta, di una "famiglia larga" la definisce il Papa, fatta di persone che ci accompagnano nel cammino della vita, che ogni giorno lavorano lì, con dedizione e cura, che aiutano se una compagna è malata, provano tristezza se uno di loro va via. Volti, sorrisi, saluti: semi che si gettano nel cuore di ognuno. Francesco, nell'omelia della Messa del mattino, prende spunto dal pensionamento di una dipendente, Patrizia, per fare "atto di memoria, di ringraziamento" e anche di scuse nei confronti di chi ci accompagna nel cammino.

E' un'omelia che racconta la quotidianità di Casa Santa Marta. Papa Francesco vuole soffermarsi sulla famiglia, non solo "papà, mamma, fratelli, zii, nonni" ma "la famiglia larga, coloro che ci accompagnano nel cammino della vita per un po' di tempo". Spiega che, dopo 40 anni di lavoro, Patrizia va in pensione; una presenza di famiglia su cui soffermarsi: "E questo - afferma il Papa a quanto riportato da Vatican News - farà bene a tutti noi che abitiamo qui, pensare a questa famiglia che ci accompagna; e a tutti voi, che non abitate qui, pensare a tanta gente che vi accompagna nel cammino della vita: vicini, amici, compagni di lavoro, di studio" Noi non siamo soli. Il Signore ci vuole popolo, ci vuole in compagnia; non ci vuole egoisti: l'egoismo è un peccato. Grazie Signore per non averci lasciati soli".(Segue)