Direttiva Viminale contro minacce a giornalisti: massima attenzione -2-

Red/Gtu

Roma, 10 gen. (askanews) - Nel corso della riunione è stata evidenziata "la necessità di mantenere un filo diretto tra l'amministrazione dell'Interno e le organizzazioni rappresentative dei giornalisti".

"La convocazione del tavolo vuole dare un segnale di attenzione per tutto il mondo dell'informazione" ha dichiarato il ministro Lamorgese, sottolineando: "La prevenzione e il contrasto delle forme di violenza ed intimidazione di cui sono vittime i giornalisti sono fondamentali per la libertà di stampa ed il diritto dei cittadini ad essere informati".

Dal monitoraggio relativo agli anni 2018 e 2019 emerge una sostanziale stabilità del fenomeno: mentre nel 2018 erano stati registrati complessivamente n. 73 atti intimidatori nei confronti dei giornalisti, nel corso del 2019 risultano n. 74 atti intimidatori.

E tali episodi - spiegano dal ministero - sono riconducibili a matrici e motivazioni di diversa natura, inquadrabili in macro aree di riferimento: atti provenienti da ambienti della criminalità organizzata (14 episodi nel 2019), atti riconducibili a motivazioni socio - politiche (28 episodi nel 2019) e atti provenienti da altri contesti (42 episodi nel 2019).