Disabili,sos Fi su diritto allo studio:"tenere accesi riflettori"

Pol/Red

Roma, 7 nov. (askanews) - L'Italia ha bisogno urgente di politiche e interventi pubblici concreti che garantiscano nei fatti inclusione e diritto allo studio per gli studenti portatori di handicap. Alle tante parole e promesse del Governo e del premier Giuseppe Conte che ha mantenuto per sè nel nuovo esecutivo la delega sulle disabilità è ora che seguono fatti perchè nella scuola italiana la discriminazione dei diversamente abili è ancora purtroppo realtà quotidiana in molte parti del Paese.

Il richiamo arriva dalla mattinata di confronto sull'inclusione scolastica dei disabili promossa alla Camera alla sala incontri di palazzo Theodoli dal Dipartimento nazionale Pari Opportunità e Disabilità di Forza Italia, guidato dalla combattiva e determinata Giusy Versace, campionessa parolimpica di atletica leggera e ora parlamentare Montecitorio nei banchi di Fi. A confrontarsi e discutere slides con immagini e testimonianze delle discriminazioni ancora enormi nelle scuole italiane sempre più deprivate di insegnanti di sostegno ("...educatori e accompagnatori sono invitati a controllare che i bagni siano puliti per bene all'uscita dei disabili, grazie... ", è una delle fotografie mostrate scattata ad un avviso affisso in una scuola dell'Italia del 2020...) sono stati oltre a Versace e a Valentina Aprea, capogruppo Fi in commissione Cultura, diversi protagonisti della lotta nella società civile contro la discriminazione delle disabilità: il presidente dell'associazione italiana giovani avvocati Antonio De Angelis, suor Anna Maria Alfieri -esperta di politiche scolastiche e gestore di scuole- Massimo Rolla, membro del comitato per le Pari Opportunità.

"Bisogna tenere accesi e forti i riflettori su questo tema. Il diritto allo studio anche per chi è disabile - ha dichiarato Giusy Versace - necessita oggi più che mai di essere tutelato ed è un aspetto troppo spesso sottovalutato. Forza Italia lo pone al centro della sua azione politica e intende dare risposte chiare a una questione di importanza fondamentale per la crescita della nostra societa'"