Discarica killer: morti due operai

rifiuti

Tragedia ad Aliano, in provincia di Matera. Due operai, entrambi di Potenza, hanno perso la vita a causa delle esalazioni provenienti da un pozzo di manutenzione di una discarica in cui stavano lavorando. Le due vittime avevano 52 e 53 anni.

Il primo operaio, entrato nel pozzo, si è sentito male a causa delle esalazioni di anidride carbonica rimanendo intossicato mortalmente. Il secondo, intervenuto per soccorrere il compagno di lavoro, è deceduto anch'egli.

Inutile l'allarme lanciato dall'autista dell'autocisterna con cui i tre avevano raggiunto la discarica. La cisterna doveva, appunto, caricare del materiale accumulato in una vasca per trasferirlo in un centro di smaltimento.

LEGGI ANCHE: Inquinamento, siamo invasi dalla plastica

Il pozzo, profondo circa 30 metri, è utilizzato per l'aspirazione del percolato, cioè del materiale prodotto dai rifiuti accumulati nella discarica. Collocato in una zona sottostante alla discarica, aveva il fondo colmo di fango.

La discarica è chiusa dal 2013, ma periodicamente vi si effettuano lavori di manutenzione, in particolare proprio del pozzo per l'aspirazione del percolato.

Sul posto sono accorsi i Vigili del fuoco. I corpi dei due operai sono stati recuperati dai soccorritori.

LEGGI ANCHE: In India c'è una montagna di spazzatura così alta da essere chiamata 'Everest'