Discoteche riapertura 2021, Costa: "Ripartano da luglio almeno all'aperto"

·3 minuto per la lettura

Riapertura delle discoteche, oggi il tavolo con i gestori. L'ipotesi è quella di ripartire, cominciando con i locali all'aperto. "Sarebbe un'idea, già luglio per me è il mese giusto" dice Andrea Costa, sottosegretario alla Salute in un'intervista a 'Il Messaggero', anche se "bisogna individuare dei parametri oggettivi e tener conto delle specificità". Ad esempio, spiega, "si può fare la differenza tra sale da ballo e discoteche. Chi balla il liscio con un partner probabilmente potrebbe essere trattato in maniera diversa da chi si ritrova a ballare attaccato in discoteca".

"Io poi non sono neanche un buon ballerino. Mai stato un discotecaro in vita mia. Suono la chitarra acustica, pensi un po'", premette Costa con un sorriso, precisando che quello si oggi sarà "un vertice, ma non un tavolo tecnico. Una richiesta di confronto che era mio dovere ascoltare". Il ragionamento dell'esponente di Noi con l'Italia è che "i vaccini vanno avanti, i contagi calano, tutte le attività hanno avuto la loro possibilità. E' una questione di coerenza: ora abbiamo gli strumenti, con prudenza si può riaprire". Ai gestori che minacciano di riaprire dal 21 giugno anche senza autorizzazione, il sottosegretario farà presente innanzitutto "che le regole devono essere rispettate e che non è con le dimostrazioni di forza che si risolvono i problemi. In secondo luogo. dobbiamo essere capaci - e parlo al plurale intendendo noi politici - di costruire un rapporto di fiducia con i cittadini. Un rapporto su cui si gioca la nostra credibilità. Per farlo servono messaggi positivi e in questo caso serve una data per ripartire, una prospettiva".

"Io spiegherò, ad esempio - anticipa Costa - che l'inizio di luglio potrebbe essere la data giusta, ma che si tratta di un percorso da fare insieme. Porterò le loro istanze al ministro, dialogherò con il Cts, ma dobbiamo trovare una soluzione per fare in modo che la riapertura avvenga davvero e soprattutto avvenga senza commettere gli errori dello scorso anno".

Per riaprire le discoteche ci saranno quindi nuovi protocolli? "Spererei proprio di sì - risponde il sottosegretario alla Salute - Non possiamo riaprire commettendo l'errore di usare il criterio del distanziamento. La discoteca è il luogo in cui per definizione è impossibile mantenerlo. Bisogna ragionare su altri parametri, come capienza ridotta e un monitoraggio rigido. E' impensabile che non si garantisca una tracciabilità reale di chi le frequenta. E' il solo modo per avere ingressi in sicurezza".

Ma quali potrebbero essere dei parametri oggettivi sui quali ragionare? Secondo il sottosegretario "dovrebbe essere quello della superficie. Il Cts - spiega - deve valutare da un punto di vista scientifico, come ha fatto per le piscine, che per ogni persona occorrono determinati metri quadrati in discoteca, in modo da determinare in base alla superficie del locale una percentuale di capienza massima".

E poi c'è il Green pass, che per Costa "può assolutamente" essere lo strumento per tornare a ballare in sicurezza. "Non vedo perché non lo si possa usare per le discoteche - dice - Dobbiamo far valere le stesse regole che abbiamo applicato in altre situazioni, non solo per il certificato. Penso ai ristoranti o anche alle piscine. Per cui ad esempio differenziamo tra spazi al chiuso e spazi all'aperto, la bella stagione ce lo consente. Poi, ribadisco, dovranno esserci controlli seri per garantire che il tutto funzioni".