Discoteche, i titolari avvisano il governo e minacciano di riaprire in maniera autonoma

·1 minuto per la lettura
discoteche gestori
discoteche gestori

“Se entro il prossimo 21 giugno, data dell’eliminazione definitiva del coprifuoco, il governo non si esprime anche per la riapertura delle discoteche, riapriremo indistintamente le nostre attività dal primo luglio. Con queste parole il presidente del Sindacato gestori sale da ballo Maurizio Pasca ha messo in guardia l’esecutivo nazionale, che ancora non ha emanato disposizioni in merito alle discoteche e alle sale da ballo, che attualmente nelle zone bianche potranno riaprire solo per il servizio bar e ristorante.

Discoteche, i gestori avvertono: “Se il governo non decide riapriremo dal primo luglio”

Pasca ha poi aggiunto: “Sono disponibile a mettere a disposizione di ministri e tecnici decine di video dove già si balla nei bar o negli stabilimenti balneari, mentre il 30% delle nostre attivita’ ha già chiuso definitivamente: stiamo morendo, denunciando così il presunto atteggiamente a due pesi e due misure tenuto a suo dire dal governo nelle disposizioni sulle attività ricreative e commerciali.

Discoteche, il gestori vogliono riaprire: il commento del sottosegretario Andrea Costa

Nella diatriba tra gestori delle discoteche e governo nazionale è intervenuto il sottosegretario al ministero della Salute Andrea Costa, che a proposito delle riaperture ha dichiarato: Il mese di luglio può essere un obiettivo ragionevole per la ripartenza delle discoteche e quindi delle sale da ballo. Devono aprirle per poter ballare, non può esserci il limite del distanziamento, ma bisogna trovare un metodo che consideri capienza e tracciamento, magari permettendo l’entrata solo con il green pass. Mi auguro che già la prossima settimana sia calendarizzato un incontro con il Governo, dobbiamo assolutamente incontrarci e lavorarci, anche in condivisione con le Regioni. È un settore al quale dobbiamo dare una risposta perché ha una dignità.

Discoteche, il gestori vogliono riaprire: ma nelle zone bianche consentito solo servizio di ristorazione

Al momento le discoteche all’interno delle zone bianche potranno riaprire soltanto per efettuare i servizi basilari di ristorazione. Zone bianche che dal prossimo lunedì vedranno aggiungersi altre quattro regioni cioé Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto. Il ministro della Salute Roberto Speranza dovrebbe infatti a breve firmare l’ordinanza che prevede lo spostamento in zona bianca a partire dal prossimo 7 giugno.