Distrutta la statua di Ibrahimovic, lo scultore: “Portatela a Milano”

Distrutta statua di Ibrahimovic

La statua di Ibrahimovic situata a Malmö (Svezia) è stata definitivamente distrutta. Già in passato era stata bruciata e poi rovinata, ma nella notte tra il 4 e il 5 gennaio 2020 i vandali si sono spinti oltre e l’hanno abbattuta.

Distrutta la statua di Ibrahimovic

Se in Italia il calciatore gode di approvazione, tanto più dopo il suo ritorno in Serie A e al Milan, altrettanto non si può dire per la sua patria natale. La cittadina svedese non ha infatti digerito la sua decisione di acquistare una parte delle quote dell’Hammarby, club di Stoccolma storico rivale del Malmö.

Per questo i tifosi hanno vandalizzato la sua statua realizzata da Peter Linde inaugurata a ottobre 2019. A soli due mesi di distanza, il 23 dicembre, alcuni avevano cercato di dargli fuoco. In seguito hanno iniziato a danneggiarla, dapprima rompendo il naso e parti di sanitari attaccati alle braccia e poi arrivando al taglio di un piede.

Dopo questi atti vandalici, la zona intorno alla statua era stata transennata per evitare il ripetersi di simili episodi. Ma degli ignoti le hanno scavalcate e hanno definitivamente abbattuto l’opera. Immediata la reazione dello scultore che, commentando l’accaduto, si è dichiarato scioccato. “Per fare un danno del genere serve tempo. Sicuramente qualcuno ha assistito alla scena ma non ha mosso un dito” ha dichiarato.

Ha poi suggerito di portarla a Milano dato che lì, a differenza di quanto accade in Svezia, Ibra è amato. Stando ai media locali, la statua verrà ora rimossa per effettuare le riparazioni del caso.