Disturbi del sonno: quando ti svegli nel cuore della notte

Amanda L. Chan

Questo articolo 癡 apparso per la prima volta su Huffpost Us ed 癡 stato tradotto da Milena Sanfilippo

Riesci ad addormentarti abbastanza facilmente. Ma d'improvviso, alle quattro del mattino, ti ritrovi completamente sveglio. Che succede?

Fino a un certo punto, questo fenomeno - chiamato insonnia centrale, o difficolt� a mantenere il sonno - 癡 normale. Dopotutto, il sonno segue dei cicli durante la notte, da un sonno a onde lente si passa a quello pi羅 leggero, come spiega James Findley, ricercatore e direttore clinico della Behavioral Sleep Medicine Program presso l'universit� della Pennsylvania.

Ma nel corso della notte, "ci spostiamo verso fasi di sonno pi羅 leggere, perci簷 aumentano le probabilit� di risvegliarsi", spiega ad HuffPost. Per questo motivo, molte persone sono pi羅 esposte al rischio di sonno frammentato nelle prime ore del mattino

Anche l'et� pu簷 influire; Findley sottolinea che pi羅 si invecchia, pi羅 aumenta la frequenza dei risvegli. "In genere si tratta di episodi in cui ti svegli, ti rigiri per un po' a letto, e poi ti riaddormenti" continua Findley. Ma quando i risvegli nel cuore della notte durano pi羅 di 30 minuti e si verificano tre o pi羅 volte a settimana, potrebbe esserci un problema pi羅 grave alla base. Potrebbe essere...

Un disturbo del sonno

Chi soffre d'insonnia non ha solo problemi ad addormentarsi, ma tende anche a svegliarsi spesso nel corso della notte, dice Findley. E l'apnea notturna, quando una persona smette di respirare a intermittenza durante la notte, porta al sonno disturbato e pu簷 causare il risveglio.

"Quando soffri di apnea notturna, potresti anche non accorgerti del problema a meno che non ci sia accanto a te qualcuno che ti dica che hai il respiro irregolare durante il sonno"

Un disturbo del sonno pi羅 riconoscibile, che potrebbe essere causa di risvegli, 癡 la narcolessia - quando una persona riporta attacchi di sonnolenza estrema durante il giorno, e si addormenta subito dopo - anche se...

Continua a leggere su HuffPost