Diventa un caso la presenza dei parlamentari della Lega tra i no-green pass. La Lega prende le distanze

·2 minuto per la lettura

AGI - Polemica nella Lega, e anche in altri partiti, per la presenza ieri a Roma di alcuni parlamentari leghisti alla manifestazione organizzata dai 'no green pass' a piazza del Popolo. Tra i manifestanti che protestavano contro le decisioni del governo scandendo a gran voce "libertà, libertà", c'erano anche il senatore Alberto Bagnai e il deputato Claudio Borghi, che ieri sera su Twitter - alla fine della manifestazione - aveva pubblicato una foto della piazza gremita e il commento: "Grazie a tutti. Spero che la nostra voce NoGreenPass si sia sentita forte e chiara".

Una scelta contestata decisamente dal capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari. "Io non ci sono andato e ritengo che i miei colleghi abbiano sbagliato ad andare", ha detto stamattina ad Agorà Estate su Rai Tre. "Nonostante sia libera la scelta di manifestare e di esprimere un pensiero, credo che gli esponenti del mio partito che sono nel governo abbiano sbagliato ad andare in piazza - ha ribadito - E quella comunque non era la piazza della Lega. Era una piazza autoconvocata su un tema che però la Lega ha posto al governo".

Duro anche il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini: i due parlamentari "dovrebbero presentare immediatamente le dimissioni se fossero coerenti con loro stessi", ha notato l'ex presidente della conferenza delle Regioni intervenendo a Morning News su Canale 5. "Scendono in piazza legittimamente, manifestare è un diritto di libertà costituzionale, ma manifestano contro il green pass che è stato votato in Cdm anche dai ministri della Lega. Se sono coerenti - ha concluso - dovrebbero presentare le dimissioni visto che da giorni contestano, legittimamente, questo provvedimento".

Critiche vengono anche dal capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro, che già ieri sera ha chiesto l'intervento di Matteo Salvini: "In queste manifestazioni sono state lanciate accuse pesanti nei confronti di un Governo in cui la Lega presente con tre ministri e pronunciati slogan irripetibili contro il Presidente Draghi. Nulla da dire Salvini? Condivide questi comportamenti e le parole d'ordine di queste piazze? Ci aspettiamo - sono ancora le parole del deputato di Leu - per coerenza e lealtà' nei confronti del Governo e della maggioranza una chiara e inequivocabile presa di distanza". 

Intanto un coro di solidarietà si è levato per Matteo Ricci, sindaco di Pesaro, e coordinatore dei sindaci Pd, che ha postando una foto di un gruppo di manifestanti no-vax sotto le finestre della sua casa. "Manifestazione no-vax sotto casa mia. Da non credere. E io non ci sono neanche a casa, con famiglia e figli increduli e spaventati. Siete degli squadristi, vergogna. La libertà non sapete neanche cosa sia. Vaccinarsi è un dovere civico e morale, come ha detto Mattarella" scrive Ricci sui suoi profili social.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli