Divisioni a vertice G20 su condanna a invasione russa in Ucraina

Il presidente indonesiano Joko Widodo, al centro, parla durante il vertice dei leader del G20 a Nusa Dua, Bali

NUSA DUA, INDONESIA (Reuters) - Divergenze sono emerse oggi al vertice del Gruppo dei 20, con gli Stati Uniti e gli alleati che hanno appoggiato una risoluzione per condannare l'invasione russa dell'Ucraina, che il ministro degli Esteri russo ha liquidato come un'ingiustificata politicizzazione.

Il vertice in corso sull'isola indonesiana di Bali è il primo incontro dei leader del G20 da quando la Russia ha inviato le proprie truppe in Ucraina a febbraio.

La guerra, che la Russia ha definito "un'operazione militare speciale", ha messo in secondo piano il summit nonostante gli appelli dell'Indonesia, Paese ospitante, ad agire in modo congiunto per risolvere i problemi economici globali come l'inflazione e la sicurezza alimentare ed energetica.

"La maggior parte dei membri ha condannato con forza la guerra in Ucraina, evidenziando come stia causando immense sofferenze umane e aggravando le fragilità esistenti nell'economia globale", si legge in una bozza di dichiarazione di 16 pagine, secondo una copia vista da Reuters.

"Ci sono stati altri punti di vista e differenti valutazioni della situazione e delle sanzioni", prosegue la bozza, che secondo fonti diplomatiche deve ancora essere adottata dai leader.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, che guida la delegazione del suo Paese in assenza del presidente Vladimir Putin, ha denunciato il tentativo di condannare la Russia come una politicizzazione da parte dei Paesi occidentali che hanno cercato, senza successo, di includerla nella dichiarazione.

Lavrov ha detto che la Russia ha presentato una visione alternativa della situazione e che la bozza sarà completata domani.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)