Dj Aniceto: "Il tampone obbligatorio i politici dovrebbero farselo al cervello"

·1 minuto per la lettura

“Il tampone obbligatorio fatelo fare a chi non si è vaccinato. Se il Governo chiede, a me che sono vaccinato, anche i tamponi per andare al cinema o in un locale e non si occupa invece dei no-vax che se ne ‘fottono’, c'è un problema. Grande. Forse i politici il tampone dovrebbero farselo al cervello”. Lo dice all’Adnkronos Dj Aniceto commentando l’ipotesi di obbligo di tampone per i vaccinati per andare al cinema, al teatro, ai concerti e nei locali. “Ho fatto la terza dose – afferma il dj anti sballo - Se ce ne fosse bisogno farei pure la quarta e la quinta, mi sono addirittura tatuato il green pass e ne ho tessuto le lodi anche all’estero, mi sta bene pure indossare la mascherina e il distanziamento, ma dopo due anni voglio tornare a vivere”.

“E poi il tampone obbligatorio a 15 euro per andare a vedere un film o per andare in discoteca che in realtà costano 10 – prosegue Aniceto - è uno scandalo stratosferico. Così si darà via libera alla pirateria e all’illegalità e sarà una tomba definitiva per quei settori che finora hanno. Se poi in definitiva dev’essere tampone, che sia gratis per tutti. Come fanno in Inghilterra dove arrivano gratuitamente ogni settimana in ogni casa set di tamponi per tutta la famiglia. Io personalmente sarò sempre per il lockdown - conclude - ma questa volta solo per i no-vax”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli