Djokovic caso diplomatico. Respinto dall'Australia: Serbia protesta, lui fa ricorso

·3 minuto per la lettura
Tennis - Davis Cup Semi-Finals - Serbia v Croatia - La Caja Magica, Madrid, Spain - December 3, 2021 Serbia's Novak Djokovic celebrates winning his match against Croatia's Marin Cilic REUTERS/Susana Vera (Photo: Susana Vera via Reuters)
Tennis - Davis Cup Semi-Finals - Serbia v Croatia - La Caja Magica, Madrid, Spain - December 3, 2021 Serbia's Novak Djokovic celebrates winning his match against Croatia's Marin Cilic REUTERS/Susana Vera (Photo: Susana Vera via Reuters)

Novak Djokovic non sarà in campo agli Australian Open di tennis. Il serbo, n.1 del mondo, che era volato a Melbourne per partecipare al primo Grande Slam della stagione grazie a un permesso speciale che lo esentava dalla vaccinazione anti-Covid obbligatoria, si è visto annullare il visto per mettere piede nel Paese dei canguri ed è stato invitato a ripartire nelle prossime ore. Per lui, dunque, niente torneo.

“Il visto del signor Djokovic è stato annullato. Le regole sono regole, soprattutto quando si tratta dei nostri confini. Nessuno è al di sopra di queste regole” ha scritto su Twitter il premier australiano Scott Morrison. “L’Australia ha uno dei tassi di mortalità più bassi al mondo per Covid, continuiamo a essere vigili”. Replica polemica Belgrado: il presidente serbo Aleksandar Vucic ha accusato le autorità australiane di aver “trattato male” Djokovic, “tutta la Serbia è con lui” ha aggiunto; per il ministro dello Sport Vanja Udovicic è “assurdo e vergognoso! Sono scioccato per il trattamento riservato a Novak, e non posso credere che qualcuno possa trattare il tal modo il miglior tennista del mondo”. Il padre di Djokovic, Srdjan, ha parlato di “deportazione”.

Djokovic era atterrato nell’aeroporto di Tullamarine alle 13,30 italiane di ieri ed è stato trattenuto, perché il suo visto non era in regola. Il tennista serbo ha atteso diverse ore in aeroporto, senza potersi muovere ed è stato anche interrogato. Le autorità hanno rilevato che l’atleta non avrebbe fornito prove adeguate a soddisfare i requisiti per entrare in Australia; in altre parole, Djokovic non ha esibito la documentazione attestante il diritto a un’esenzione medica legittima, dunque è stato invitato a lasciare l’Australia. I suoi avvocati, informato i media locali, faranno ricorso. Ma potrebbe essere troppo tardi.

Djokovic ha sperato fino all’ultimo di poter tentare un nuovo assalto allo Slam australiano. Se l’ok alla partecipazione del serbo al primo slam stagionale era agognato da organizzatori, tifosi e anche da colleghi, si è rivelato un boomerang non solo per il tennista. I politici del Paese, di fronte all’indignazione e alle polemiche crescenti per l’esenzione che gli era stata concessa, hanno preso le distanze. Il primo a pagarne le conseguenze è stato lo stesso Djokovic che, dopo aver annunciato con enfasi l’ottenimento dell’esenzione, era salito sul primo volo per l’Australia col proprio staff, ma all’arrivo a Melbourne è stato bloccato dagli ufficiali della polizia di frontiera. Secondo i media locali, il problema riguardava la documentazione presentata dal serbo per ottenere l’esenzione medica e il visto presentato da lui e dallo staff che non prevede invece esenzioni mediche per chi arriva dall’estero. Ma già mentre il serbo in volo, del tutto ignaro, in Australia la polemica divampava come un incendio e sulla questione è intervenuto addirittura il premier, Scott Morrison, che ha minacciato di far rientrare il serbo “col primo aereo” se la sua esenzione dall’obbligo di vaccino non fosse stata giustificata. “Aspettiamo spiegazioni e prove a sostegno” di questa deroga, ha detto, aggiungendo che “non ci saranno regole speciali”. Il direttore dell’Australian Open, Craig Tiley, ha esortato il tennista a rivelare il motivo dell’“esenzione medica” ottenuta. La sua domanda era stata vagliata dalle autorità federali e da quelle dello Stato di Victoria, ha spiegato Tiley, come quelle presentate da altri 26 giocatori o membri degli staff sui 3.000 circa previsti in Australia per i vari tornei. Pochi l’hanno ottenuta.

Da mesi “Nole” aveva messo in dubbio la sua partecipazione allo Slam Down-Under a causa dell’obbligo per i giocatori di vaccinarsi per entrare in Australia e poter competere. Djokovic non ha mai fatto chiarezza sul proprio stato vaccinale e, ad aprile dello scorso anno, si era espresso contro la vaccinazione obbligatoria. Ora la vicenda sta creando grande imbarazzo, anche perché c’è proprio l’immagine del serbo mentre bacia il trofeo sul sito degli Open che pubblicizza il prezzo dei biglietti della finale, a partire da 550 dollari australiani, circa 350 euro.

Dopo il ricoros di Djokovic, sarà ora un giudice di Melbourne, Anthony Kelly , a esaminare nel pomeriggio le ragioni del 34enne serbo.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli