Djokovic e il Covid: il no al vaccino potrebbe costargli Indian Wells

Il rifiuto di vaccinarsi contro il Covid torna a complicare la vita di Novak Djokovic. Già lo scorso anno per questa ragione impossibilitato a partecipare all'Australian Open, a marzo il campione serbo potrebbe nuovamente saltare due dei più prestigiosi appuntamenti statunitensi del calendario tennistico internazionale, al di fuori delle prove del grande slam: Indian Wells e il Miami Open. Determinante la decisione delle autorità sanitarie di prolungare fino al aprile l'obbligo di un vaccino per gli stranieri che vogliano accedere agli Stati Uniti.

Alla luce dell'allentamento delle misure approvato da Canberra ciò non impedirebbe tuttavia nel frattempo a Djokovic di partecipare all'Australian Open, in programma dal 16 al 23 gennaio. La sua esclusione dello scorso anno aveva dato luogo a un duro braccio di ferro, che aveva portato all'isolamento forzato dell'attuale numero 5 mondiale in un centro per migranti irregolari.