Djokovic, il padre: "50 proiettili nel petto di Novak"

Il padre di Novak Djokovic, Srdjan, è tornato a criticare la decisione di espellere il campione serbo dall'Australia: "L'attentato al miglior sportivo del mondo è finito, 50 proiettili nel petto di Novak", scrive sui social.

I tre giudici della corte federale, chiamati a giudicare il caso del tennista, si sono espressi a favore della decisione con cui il governo ha cancellato il visto del 34enne serbo. I giudici che hanno presieduto l'udienza - James Allsop, Anthony Besanko e David O’Callaghan - si sono espressi all'unanimità.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli