Djokovic minaccia gli Australian Open, "non lecito chiedermi se sono vaccinato"

·1 minuto per la lettura
Serbia's Novak Djokovic poses with the Norman Brookes Challenge Cup trophy during a photo shoot at the Brighton Beach in Melbourne on February 22, 2021, a day after his victory over Russia's Daniil Medvedev in their men's singles final match of the Australian Open tennis tournament. (Photo by William WEST / AFP) / -- IMAGE RESTRICTED TO EDITORIAL USE - STRICTLY NO COMMERCIAL USE -- (Photo by WILLIAM WEST/AFP via Getty Images) (Photo: WILLIAM WEST via Getty Images)
Serbia's Novak Djokovic poses with the Norman Brookes Challenge Cup trophy during a photo shoot at the Brighton Beach in Melbourne on February 22, 2021, a day after his victory over Russia's Daniil Medvedev in their men's singles final match of the Australian Open tennis tournament. (Photo by William WEST / AFP) / -- IMAGE RESTRICTED TO EDITORIAL USE - STRICTLY NO COMMERCIAL USE -- (Photo by WILLIAM WEST/AFP via Getty Images) (Photo: WILLIAM WEST via Getty Images)

Novak Djokovic è pronto a tornare in campo, ma non a Melbourne per l’Australian Open di inizio 2023 dove si profila un obbligo di vaccinazione. “Non so ancora se giocherò a Melbourne”, ha detto il tennista, nei mesi passati esplicitamente no vax, ai media serbi.

“I media speculano e questo mi ha infastidito molto - le parole di Djokovic - Non partecipo alla ’guerra, non solo dello sport, per distinguere tra vaccinati e non vaccinati. E non ho intenzione di dire se lo sono o meno. Siamo arrivati a discriminare le persone, se decidono in autonomia in un senso o nell’altro”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli