Dl aiuti: Conte, 'nostri ministri costretti a non votarlo, alle Camere andata peggio'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Ronma, 13 lug. (Adnkronos) – "In Cdm i nostri ministri sono stati costretti a non votare" il dl Aiuti "per la norma che dava ampi poteri al sindaco di Roma come commissario per il Giubileo", aprendo di fatto alla norma sull'inceneritore. "In Parlamento sul decreto è andata anche peggio", sia perché la norma sul termovalorizzatore non è cambiata sia per lo sforzo, non andato a buon fine, "di intervenire sul superbonus". Lo ha detto il leader del M5S Giuseppe Conte in assemblea congiunta, motivando la scelta dell'Aventino parlamentare domani in Senato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli