Dl assunzioni, Decaro: segnale positivo da Governo a richieste Anci

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 4 giu. (askanews) - "L'approvazione del nuovo decreto legge, come richiesto da Anci, è un passo importate verso la possibilità del nostro Paese di ripartire per davvero". Lo dichiara il presidente dell'Anci, Antonio Decaro, sul cosiddetto Decreto Assunzioni che sarà approvato a breve nel CDM.

"L'assunzione, seppur a tempo determinato, di professionalità qualificate e competenti, con procedure semplificate, che possano irrobustire gli organici delle pubbliche amministrazioni, a breve alle prese con i fondi e i progetti del PNRR, è stata una richiesta di Anci sin dall'inizio. Occorre però fare chiarezza, l'Anci lo chiede da tempo, su quali saranno i soggetti che avranno diretta titolarità nell'attuazione dei progetti del PNRR e quindi, stando al decreto, con capacità di assumere", aggiunge.

"Bisogna definire in maniera netta ruoli e competenze nell'attuazione delle procedure di governance dei fondi. Non ci vogliamo tirare indietro ma vogliamo essere messi nelle condizioni di lavorare e di poterlo fare bene. Ciascuno sia responsabile per garantire qualità e celerità. Il segnale, però, dato oggi, dal Governo ai Comuni, all'indomani dell'ultima cabina di regia in cui avevamo chiesto coraggio sul tema assunzioni, va sicuramente in una direzione positiva che siamo pronti a cogliere e a sfruttare al meglio", prosegue il sindaco di Bari.

"Voglio infine ringraziare il ministro Brunetta che si è dimostrato da subito un interlocutore attento alle richieste dei Comuni, e il Dipartimento della Funzione Pubblica con cui abbiamo condiviso questo importante lavoro che rappresenta, forse, la più grande operazione di rinnovamento del personale della Pubblica amministrazione del Paese", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli