Dl cura Italia, Coltorti (M5s): per trasporti pacchetto cospicuo

Red/Lsa

Roma, 19 mar. (askanews) - "Il settore dei trasporti è uno di quelli maggiormente colpiti dall'emergenza Coronavirus. Ne fanno le spese la logistica, il turismo, il trasporto pubblico e privato, ma anche il trasporto aereo con cancellazioni di tratte e voli. Con il decreto 'Cura Italia' come M5s abbiamo chiesto misure importanti per venire incontro a imprese e lavoratori del settore trasportistico, e il pacchetto messo a punto è piuttosto cospicuo". Lo sottolinea il senatore Mauro Coltorti (M5s), presidente della commissione Infrastrutture e Trasporti.

Coltorti ricorda le principali misure per il settore inserite nel decreto. "Innanzitutto, si è stabilita la sospensione, per i mesi di marzo e aprile, di tutte le ritenute dei contributi previdenziali e assistenziali nonché dei premi per l'assicurazione obbligatoria. Misure più ampie riguardano i trasporti marittimi ai quali, fino al 30 aprile, non si applicherà la tassa di ancoraggio così come sono sospesi i canoni per tutte le operazioni portuali e differiti i pagamenti dei diritti doganali. Il Governo - spiega - ha poi previsto ulteriori agevolazioni per le imprese che svolgono attività di trasporto pubblico non di linea. Per loro il decreto 'Cura Italia' ha previsto un fondo di 2 milioni di euro per il 2020 al quale attingere, fino a un massimo del 50% del costo, per adeguare i mezzi con paratie divisorie tra autisti e clienti a tutela della salute pubblica. Misure di compensazione dei danni sono state previste anche per il trasporto aereo con lo stanziamento di 200 milioni di euro in più per il Fondo di Solidarietà del settore del trasporto aereo per il 2020. Fino alla fine dell'anno - previo accordo con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Ministero del Lavoro - si potrà far ricorso al trattamento straordinario di integrazione salariale per crisi aziendali".

Tutto questo, conclude Coltorti, "è solo un primo intervento di sostegno delle attività duramente colpite dagli effetti del Covid-19, consapevoli che solo con l'impegno e l'aiuto di tutti si potrà uscire da una emergenza che colpisce tutti: famiglie, lavoratori e imprese. Il governo è pronto ad ulteriori interventi, già nel mese di aprile".