Dl cura Italia, Fassina: governo non si dimentichi dei Comuni

Pol/Vep

Roma, 21 mar. (askanews) - "Il grido di dolore arrivato dal Presidente dell'Anci, Antonio Decaro, a nome di tutti i sindaci italiani deve trovare immediata risposta. I Comuni sono la nostra trincea più importante: la loro capacità operativa è decisiva. Decisivi, anche ai fini del contenimento del Covid-19, sono i loro interventi sulle sofferenze sociali prive di programmi nazionali di riferimento: dall'assistenza agli anziani soli, al sostegno alla spesa dei nuclei famigliari più in difficoltà, ai servizi per i senza fissa dimora, i campi Rom, i centri per i migranti. Inoltre, devono trovare immediata risposta anche tante altre emergenze lasciate scoperte dal Decreto Cura Italia che pure mette in campo interventi importanti e impegnativi. Serve subito un ulteriore spazio di deficit per coprire emendamenti essenziali al Decreto in corso di conversione. Vi sono emergenze che non possono attendere i tempi di operatività del prossimo decreto. Alla luce della strada finalmente imboccata dalla Bce, il governo porti in Parlamento nei prossimi giorni, in tempo utile per coprire e approvare emendamenti al Decreto Cura Italia, la Relazione necessaria ad autorizzare uno scostamento aggiuntivo rispetto a quanto votato l'11 Marzo scorso". Lo afferma Stefano Fassina di Liberi e Uguali.