Dl Cybersecurity, definito perimetro sicurezza nazionale -2-

Red-Pac

Roma, 19 set. (askanews) - L'articolo 3 dello schema di decreto legge è interamente dedicato al 5G e stabilisce tra l'altro che anche nel caso di contratti già approvati, possono essere modificate o integrate le misure, "prescrivendo, ove necessario, la sostituzione di apparati o prodotti che risultino gravemente inadeguati sul piano della sicurezza".

Il CVCN, Centro di valutazione e certificazione nazionale, istituito presso il Mise, sulla base della valutazione del rischio, anche in relazione all'ambito di impiego e in un'ottica di gradualità può, entro trenta giorni, imporre condizioni e test di hardware e software. In questa ipotesi, i relativi bandi di gara e contratti sono integrati con clausole che condizionano sospensivamente o risolutiva, il contratto al rispetto delle condizioni e all'esito favorevole dei test.