Dl cybersecurity, Petrenga (FdI): legge debole

Red/Lsa

Roma, 7 nov. (askanews) - "Seppur convinti dell'importanza di questo tema, il provvedimento presentato dal governo è un atto debole, in cui l'Italia viene messa in una semplice condizione di difesa". Lo ha affermato la senatrice di Fratelli d'ITalia, Giovanna Petranga, spiegando in Aula il motivo dell'astensione del suo gruppo sul decreto. "Invece nell'era digitale in cui viviamo, dove il rischio dei furti di dati, di identità e di creazione di fake news possono rappresentare un rischio elevatissimo per la sicurezza della nostra Nazione e delle imprese - ha aggiunto - sarebbe stata necessaria una forte azione di tutela". "Abbiamo un sospetto, che l'unica urgenza nel portare in Aula una legge incompleta - ha concluso la senatrice di FdI - fosse di assegnare i 77 posti di lavoro al ministero per l'Innovazione Tecnologica, senza criteri e adeguata formazione, a coloro che, invece, dovrebbero difendere la nostra Nazione dai crimini cibernetici".