Dl elezioni, senatrici Pd: bene impegno per voto fuori da scuole

Pol-Afe

Roma, 18 giu. (askanews) - "Siamo molto soddisfatte che il governo abbia preso l'impegno formale, attraverso l'approvazione di un ordine del giorno al dl 26 in materia di consultazioni elettorali per il 2020, a firma mia e della collega Paola Boldrini, di prevedere la possibilit di svolgere le operazioni di voto per le consultazioni elettorali e referendarie dell'anno 2020, e solo per questa tornata elettorale, in luoghi pubblici previamente individuati, diversi dalle scuole". Lo dicono la capogruppo Pd in commissione istruzione, senatrice Vanna Iori e la componente della Commissione parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza, senatrice Paola Boldrini.

"Gi nei giorni scorsi il Pd, attraverso la voce del segretario Zingaretti e di tanti parlamentari - spiegano - aveva chiesto all'esecutivo di cercare soluzioni alternative per impedire un'ulteriore discontinuit didattica per i nostri studenti. Si tratterebbe di un fatto inaccettabile. Dopo un anno scolastico cos travagliato, come quello appena trascorso, necessario assicurare che il prossimo si svolga il pi possibile senza interruzioni. In tal senso, siamo convinte che -con uno sforzo collettivo di tutte le istituzioni coinvolte- si possano trovare luoghi pubblici alternativi alle scuole per svolgere le operazioni di voto come palestre, palazzetti, sale civiche, biblioteche, musei e caserme dismesse".

"Questo permetterebbe alle scuole di procedere con maggiore continuit alla ripresa delle lezioni - colncludono Iori e Boldrini - evitando di interrompere le attivit didattiche dopo solo pochi giorni dall'inizio dell'anno scolastico. Gli alunni e gli studenti di tutte le scuole del Paese hanno bisogno di certezze sul calendario scolastico e di un contesto di stabile ripresa delle attivit didattiche, dopo questi mesi cos complicati. Siamo certe che il governo manterr l'impegno preso perch l'istruzione oggi deve essere la nostra priorit".