Dl fisco, Cattaneo (Fi): bene Confindustria, testo sbagliato

Pol/Bac

Roma, 5 nov. (askanews) - "L'audizione di Confindustria in Commissione Finanze obbliga il governo a riflettere sulla strada intrapresa con questa finanziaria: decisamente sbagliata. Condivido il giudizio critico espresso questa mattina sul Dl Fiscale per cui non solo le misure 'per urgenza gettito' penalizzano le imprese ma le scelte adottate per contrastare l'evasione fiscale sono demagogiche e non funzionali a una criticità che andrebbe affrontata con risposte 'reali e serie'". Lo afferma, in una nota, Alessandro Cattaneo, deputato di Forza Italia e membro della commissione Finanze. "Nello specifico, dalla totalità degli auditi - aggiunge - è stata richiesta esplicitamente la revisione o l'abrogazione degli art. 4 (si corrono rischi di liquidità con il nuovo regime di ritenute fiscali dei lavoratori impiegati negli appalti) e 39 (che inasprisce le sanzioni per i reati tributari). Come ha dichiarato Marcella Panucci, direttore generale di Confindustria, la lotta all'evasione è conseguita "scaricando gli oneri sulle imprese", un approccio manettaro e anti impresa preoccupante perché così come pensata non colpirà i disonesti e renderà la vita impossibile agli onesti. Faremo di tutto in Commissione e in Parlamento per modificare un testo sbagliato che penalizza imprese e lavoratori".