Dl fisco, Conte: soglia contante a 2mila euro non svantaggia nessuno

Luc

Roma, 18 ott. (askanews) - Da parte del governo non c'è alcuna intenzione di criminalizzare chi usa il contante. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, a Bruxelles, in conferenza stampa al termine del Consiglio europeo.

"Alcune stime - ha spiegato - accreditano sino a 100 miliardi la cifra di sommerso. È pazzesca. Non dico di recuperare tutto ma anche solo una parte, di realizzare le premesse concrete, non gli slogan, per far pagare a tutti i cittadini meno. Questa è l'unica via credibile e seria che la politica può far seguire per far pagare meno tasse ai cittadini. Come agire? O criminalizzando le persone oppure incentivando attraverso vari strumenti affinché l'economia sommersa emerga. Abbiamo scelto questa seconda strada".

"Portare la soglia del contante da 3mila a 2mila euro non mi sembra un messaggio di criminalizzazione nei confronti di qualcuno. Se arrotolate le banconote per duemila euro si gonfia notevolmente la tasca. Non stiamo svantaggiando nessuno. Avranno incentivi i pagamenti elettronici, non criminalizziamo gli altri. Chi usa contante non subirà nessuna conseguenza negativa, continuerà a farlo", ha concluso.