Dl fisco, Marattin: confisca allargata non è da paese normale

Gal

Roma, 2 dic. (askanews) - "Non ce l'abbiamo con il carcere agli evasori e nemmeno con il rendere più severe le pene di chi viene condannato per evasione. Il problema della confisca allargata è che rende possibile a un imprenditore sottoposto ad accertamento, prima di sapere se colpevole o no, che gli sequestrino l'azienda. Non è da paese normale, con queste regole verrà qualcuno a investire in Italia?". Lo dice Luigi Marattin, vice capogruppo di Italia Viva parlando a Montecitorio delle nuove norme inserite nel decreto fiscale.

"Noi non difendiamo gli evasori, ma quando vengono condannati in terzo grado, acceleriamo processi per far sì che non si aspettino vent'anni ma non posso tirare in mezzo imprenditori onesti", ha aggiunto.