Dl ministeri, Fantetti (Fi): export al Maeci è errore strategico

Pol

Roma, 6 nov. (askanews) - "Con questo decreto, al ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione, per volere del ministro Di Maio e della sua totale incompetenza, si crea un vero e proprio calderone, con spezzettamenti di competenze e funzioni davvero inconcepibili. Lo spostamento delle competenze sull'import-export dal Mise al Maec è quindi un errore strategico controproducente e fuorviante per l'economia italiana. Noi di Forza Italia non voteremo questo decreto e ci batteremo per cambiarlo". Lo ha detto nell'aula di palazzo Madama il senatore di Forza Italia Raffaele Fantetti.

"Mentre paesi come il Giappone, la Germania, per fare solo due esempi, hanno ministeri ad hoc che si occupano di export, dotati di autonomia, concentrazione e ancoraggi rispetto alle materie trattate, noi - ha aggiunto - riusciamo in pochi giorni a realizzare effetti esattamente opposti. Generazioni di politici che negli anni si sono alternati nei ministeri non erano riusciti a fare i danni che il signor Di Maio sta facendo in poche settimane".

"Di fronte alla guerra commerciale in atto, scatenata dalle decisioni del presidente Trump, noi come ci difendiamo? Attraverso l'opera di diplomatici senza formazione commerciale. A questo punto dobbiamo solo augurarci che non vengano date a Di Maio anche le competenze sulle Forze armate altrimenti le nostre preoccupazioni diverrebbero incubi", ha concluso.