Dl ristori, Conte: "5 miliardi subito, a metà novembre il contributo"

webinfo@adnkronos.com
·4 minuto per la lettura

"Il decreto ristori vale oltre 5 mld che saranno utilizzati per dare risorse immediate a beneficio di categorie e lavoratori direttamente interessati: ristoranti, bar ristoranti, cinema, palestre e piscine, per citarne alcuni". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, dopo l'approvazione di oggi del decreto con gli aiuti per i settori colpiti dalla nuove limitazioni del lockdown mirato.

"I contributi a fondo perduto - ha proseguito - arriveranno direttamente sul conto corrente delle categorie interessante, in automatico nei prossimi giorni, con bonifico dell'Agenzia delle entrate" perché si tratta della modalità "più celere. Confidiamo che a metà novembre chi ha già aderito" ai contributi previsti col dl rilancio "li otterrà, gli altri subito dopo".

Ecco cosa prevede il decreto

"In questi giorni stiamo incontrando tutte le associazioni di categoria direttamente interessate dalle misure restrittive" con le quali c'è stato "un dialogo aperto e un approccio costruttivo. Di questo ringrazio tutti pubblicamente", ha detto ancora Conte.

Sulle misure, il premier fa una rapida sintesi: oltre ai ristori che andranno alle aziende, è previsto "credito d'imposta per gli affitti commerciali per i mesi di ottobre, novembre e dicembre; l'esenzione della seconda data dell'Imu; la sospensione dei versamenti dei contributi dei lavoratori per il mese di novembre; un'indennità specifica per i lavoratori dello spettacolo e turismo pari a 1000 iero per ciascuno; 100milioni per la filiera agricola e della ristorazione; cancelliamo la rata di novembre per i versamenti dei lavoratori agricoli".

"Abbiamo promesso ristori rapidi e ci saranno. Ma per ora il nostro obiettivo è tenere sotto controllo la curva del contagio", ha aggiunto. "Le nostre scelte possono essere legittimamente criticare ed è giusto che le scelte del governo siano sottoposte a sindacato ma voglio chiarire che non sono state fatte scelte indiscriminate, non abbiamo chiuso attività che ritenevamo superflue o meno importanti: per noi non ci sono lavoratori di serie A e di serie B", ha sottolineato il premier per il quale le misure adottate hanno l'obiettivo "di ridurre le occasioni di socialità e contatto".

Il decreto legge ristori ''mobilita una massa consistente di risorse: più di 5 miliardi di euro. Per la precisione 5,4 miliardi di indebitamento e 6,2 miliardi di saldo netto da finanziare'', afferma il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri.

Per l'erogazione dei contributi a fondo perduto ''abbiamo scelto modalità più semplici e veloci di ristoro e di rafforzare le misure rispetto al passato'', ha affermato ancora il ministro. I ristori saranno erogati ''automaticamente, senza fare domanda, a oltre 300.00 aziende che lo avevano avuto in precedenza; contiamo per la metà di novembre di avere tutti i bonifici effettuati da parte dell'Agenzia delle entrate'', spiega il ministro. ''Gli importi medi sono significativi perché sono più alti rispetto a quelli in precedenza erogati'' con un ''meccanismo rapido, semplice ed efficace''.

Con il decreto legge ristori sono previste altre ''6 settimane di cig'' con validità fino al 31 gennaio 2021. ''Nella legge di bilancio saranno previste le ''ulteriori risorse per arrivare alle 18 settimane complessive che avevamo annunciato''.

Il decreto legge ristori prevede ''l'indennità per lavoratori dei settori dello spettacolo e del turismo; 2 mensilità di reddito d'emergenza e l'indennità per i lavoratori del settore dello sport e il sostegno allo sport dilettantistico'', ha affermato ancora il ministro. ''Per quanto riguarda le sale da concerto e teatri l'importo medio'' degli aiuti a fondo perduto ''per la fascia più bassa sarà di 5.000 euro, per la fascia media di 13.900, per la fascia alta di 30.000 euro''. ''L'importo medio che arriverà a ristoranti fino 400.000 euro di fatturato sarà di 5.173 euro; per quelli di fascia maggiore, fino a 1 milione di euro di fatturato, 13.920 euro; per quelli con fatturato fino a 5 milioni di euro il ristoro medio sarà di 25.000 euro", ha affermato ancora il ministro.

“Ci sono anche i tassisti e i titolari di noleggio con conducente tra le categorie destinatarie dei ristori stanziati dal Governo nel Decreto approvato oggi a sostegno delle attività chiuse o danneggiate dalle ultime misure anti Covid”, ha assicurato la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli al termine del Consiglio dei ministri. "Taxi e Ncc hanno giustamente rappresentato ieri in un incontro presso il Mit che l’attività, se pure non sospesa, lo sarà di fatto dopo le 18, considerate le chiusure del dpcm - ha aggiunto la ministra. Potranno così usufruire di un indennizzo pari al 100 % di quanto hanno ottenuto con il Dl Rilancio dell’aprile scorso. Le risorse saranno erogate direttamente sui conti correnti. Ringrazio il sottosegretario Salvatore Margiotta che ha incontrato i rappresentanti delle categorie e contribuito a questo risultato”.​