Dl scuola, Lega: governo abbandona paritarie al loro destino

Gal

Roma, 5 giu. (askanews) - "Le scuole paritarie sono abbandonate al loro destino: se a Conte e al Governo non interessano libert e pluralismo educativo, si preoccupino almeno dei miliardi che gli asili, i nidi e le scuole private e paritarie, per il solo fatto di esistere, fanno risparmiare ogni anno allo Stato. 900mila studenti e 150mila lavoratori attendevano misure concrete. La Lega ha presentato oltre 120 emendamenti al decreto Scuola per sostenere questo settore, ottenere contributi per la copertura delle spese sostenute e da sostenere per la riapertura degli istituti, risorse per l'attivazione dei protocolli di sicurezza necessari per l'inizio del nuovo anno scolastico, contributi per la didattica a distanza, estensione del credito d'imposta per affitti ed utenze, contributi alle rette e totale detrazione fiscale per le rette degli alunni che frequentano asili e scuole paritarie o private. Nella disastrosa gestione del sistema educativo nazionale da parte di questo Governo la sorte peggiore di tutte sembra essere toccata proprio a quest'ultime. Dimenticate e discriminate per ideologia, o per mera sciatteria, dall'esecutivo. Le 12.500 scuole paritarie partecipano a pieno titolo al sistema dell'istruzione del nostro Paese garantendo il pluralismo educativo e allo Stato un risparmio economico di almeno 5 miliardi. Senza aiuti, n sostegno, difficilmente riusciranno a superare la crisi imposta dalla chiusura obbligatoria per il Coronavirus". Lo dichiara la deputata della Lega Laura Cavandoli, membro della commissione parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza.