Dl scuola, Marin(Fi): poca cosa, no a briciole per paritarie

Lsa

Roma, 5 giu. (askanews) - "Questo provvedimento nato ambizioso e avrebbe dovuto esserlo: si ridotto invece a poca cosa, a una soluzione ibrida per i precari che non d una prospettiva. Anche sull'edilizia scolastica si ridotto quasi al nulla. E' un provvedimento claudicante che va piano e non ha affrontato i grandi temi legati all'emergenza". Lo ha detto Marco Marin, deputato di Forza Italia, intervenendo in Aula a Montecitorio, sul dl scuola. "Non si ancora capito cosa succeder delle scuole a settembre, soprattutto come ripartiranno. Non lo sanno ancora le famiglie, gli studenti e gli insegnanti. La scuola dopo la famiglia ha un ruolo fondamentale nella crescita: mi rifiuto di pensare che un bambino non prenda pi i voti a scuola, ma gli venga dato giudizio. Mi rifiuto di pensare al 6 politico, alla promozione per tutti perch la vita non funziona cos: il merito ci dev'essere anche a scuola. Le scuole paritarie sono state completamente dimenticate in tutti gli interventi che sono stati fatti dal vostro governo delle quattro sinistre. Cosa avverrebbe se chiudessero soprattutto ora? Queste scuole sono tessuto fondamentale del nostro Paese, i genitori hanno il diritto garantito dalla Costituzione di poterle scegliere per i loro figli la scuola dove essere istruiti. E come si pu pensare oggi di non fare un fondo per queste scuole? Forza Italia ha chiesto 500 milioni. Temo, purtroppo, che darete alle scuole paritarie solo le briciole, perch che considererete le paritarie e chi le frequenta figli di un dio minore. Noi non potremmo accettarlo mai e continueremo a batterci per questa realt fondamentale del nostro Paese", ha concluso.