Dl scuola,Siracusano: incostituzionale, governo ignora Parlamento

Pol/Vep

Roma, 3 giu. (askanews) - "Questo decreto presenta numerosi rilievi di incostituzionalità, secondo Forza Italia il provvedimento non deve essere convertito in legge. Il diritto allo studio è stato compresso, in modo grave, durante il lockdown. E lo avete fatto, ministro Azzolina, in modo unilaterale, con Dpcm e con ordinanze ministeriali, mettendo in soffitta la democrazia e le Camere". Lo ha detto Matilde Siracusano, deputata di Forza Italia, intervenendo in Aula a Montecitorio durante le illustrazioni delle pregiudiziali di costituzionalità sul decreto scuola.

"Le ordinanze ministeriali sono state emanate prima del 18 maggio - data ultima che era stata indicata come spartiacque per una decisione definitiva sulla possibile riapertura o meno delle scuole - senza alcun confronto con il Parlamento. Gli istituti hanno chiuso i battenti i primi di marzo e la didattica a distanza ha lasciato per strada tanti, troppo ragazzi: sono stati creati studenti di serie A e studenti di serie B. Il governo è entrato a gamba tesa su alcune prerogative delle Regioni, come ad esempio le decisioni sul calendario dell'anno scolastico: così si rischia un cortocircuito istituzionale, causato da Palazzo Chigi, che potrebbe creare tensioni e che certamente non fa bene al nostro Paese", ha aggiunto.

"Forza Italia - con la collega Aprea e con i colleghi delle Commissioni Cultura di Camera e Senato - aveva preparato e presentato un vero e proprio piano scuola di altissimo livello, con emendamenti di grande qualità, proposte completamente ignorate dal governo. Infine il governo ha completamente abbandonato le scuole paritarie, condannando alla chiusura tante realtà e negando la libertà di scelta educativa a tante famiglie", ha sottolineato. "Ancora una volta si perde una grande occasione per migliorare il sistema scolastico del nostro Paese", ha concluso Siracusano.