Dl semplificazioni: fonti governo, verso proroga 40% soglia subappalti

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 mag. (Adnkronos) – La soglia per i subappalti dovrebbe restare ferma al 40%, come nella misura attualmente in vigore e che, nel nuovo dl semplificazioni al vaglio del Cdm di domani, verrà semplicemente prorogata. Il governo, dunque, dovrebbe non solo accantonare il criterio di massimo ribasso, come stabilito nella cabina di regia di questa mattina, ma togliere di mezzo anche la cosiddetta liberalizzazione dei subappalti, che aveva creato frizioni e malumori nella maggioranza. Lo riferiscono all'Adnkronos fonti di governo: "resterà l'asticella del 40%, come nella bozza che sarà oggi al vaglio del pre-consiglio. Chi sa come funziona, non può che comprendere che sopra al 40% non si può andare, qualsiasi tribunale bloccherebbe di default un subappalto che superi questa soglia, quindi è inutile cambiarla".

"Nelle more di una complessiva revisione del codice dei contratti pubblici", si legge nella bozza che sarà all'esame della riunione preparatoria del Cdm, il subappalto "è indicato dalle stazioni appaltanti nel bando di gara e non può superare la quota del 40 per cento dell'importo complessivo del contratto di lavori, servizi o forniture".