Dl sicurezza, Bernini: da governo segnali preoccupanti

Pol/Vep

Roma, 21 nov. (askanews) - "Le modifiche annunciate ai decreti sicurezza, a partire dalle sanzioni più basse e dalla confisca delle navi Ong solo in caso di recidiva, sono un inequivocabile segnale di discontinuità rispetto alla linea della fermezza nei confronti dell'immigrazione irregolare. Ma anche un incentivo ai trafficanti di uomini per riprendere in grande stile la loro attività". Lo dichiara Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia.

"In cima ai pensieri della maggioranza ci sono le ong e lo ius soli, mentre la sicurezza dei cittadini resta un optional. Forza Italia ha proposto di stanziare nella manovra di bilancio un miliardo di euro per i contratti delle forze di polizia, per il comparto sicurezza-difesa e per il riordino delle carriere. Vedremo se per il governo valgono più le capitane delle ong o le donne e gli uomini che ogni giorno lavorano per la sicurezza di tutti noi", conclude.