Dl sicurezza bis, Avvenire: sconsiderata invocazione di Maria

Ska

Roma, 7 ago. (askanews) - Il ministro Matteo Salvini che invoca la Madonna di Medjudorje per il decreto sicurezza bis "sa benissimo perché dice certe cose, anche se evidentemente non si rende conto sino in fondo della portata delle cose che dice", secondo Marco Tarquinio, direttore di Avvenire, che in risposta alle lettere indignate di alcuni lettori, scrive: "La sensazione, purtroppo, è che il ministro cerchi polemiche, certo di trovarle. Perché altrimenti tentare di coinvolgere la devozione cristiana di tante persone, e storie infinite di amore e di preghiera, collegando una serie di norme imperfettissime e in parte addirittura disumane al nome e al volto di Maria? Una scelta semplicemente sconsiderata: tutto ciò che è davvero umano, in questi due millenni, è stato posto sotto il manto della Madonna, e proprio nulla di ciò che umano non è. Non sento il bisogno di altre polemiche, anche perché mi rendo conto che quello che bisognava dire a proposito dell'uso spregiudicato e strumentale della fede e dei suoi simboli ormai è stato detto. Ma forse non è inutile far presente a Salvini che un conto è tenere una medaglietta mariana con sé, e tutt'altro farne la "copertina" di una legge. E, soprattutto, che i credenti da secoli venerano Maria anche come Madre del Perpetuo Soccorso. Cercare di fare della Madonna addirittura la patrona del 'soccorso negato' è, dunque, persino più di una mancanza di rispetto. Ci pensi".