Dl sicurezza bis, Bernini: rimanere in aula protesta decisa

Vep

Roma, 6 ago. (askanews) - "Non vogliamo dare nessun aiutino, nessun alibi a questo governo che ci ha deluso profondamente. Ha sempre detto di voler sostenere le forze dell'ordine ma in questa occasione ha dimostrato di farlo soltanto a parole" e così "abbiamo deciso di rimanere in Aula dichiarando la non partecipazione al voto". Lo afferma, in una intervista al Corriere della Sera, Annamaria Bernini, capogruppo di Forza Italia al Senato, difendendo la scelta di restare in aula durante il voto sul decreto sicurezza bis.

Provvedimento nel qual Fi aveva chiesto "fosse stanziato almeno un miliardo e mezzo per il comparto sicurezza-difesa" ma alla fine è stato messo "meno della metà, ma soprattutto hanno distribuito i soldi in maniera frammentata, distribuendo briciole nei comparti. Un risultato particolarmente mortificante".

Non era meglio uscire dall'aula? "No, per noi rimanere seduti era il modo migliore per rimarcare il nostro distacco abissale da questa maggioranza di governo", conclude Bernini.