1 / 11

Immigrazione

Il ministro dell'Interno, insieme ai ministri della Difesa e delle Infrastrutture e dopo aver informato il presidente del Consiglio, ha la facoltà di limitare o vietare l'ingresso, il transito o la sosta di navi nelle acque territoriali per motivi di ordine e sicurezza pubblica; non sempre ma solo sulla base della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del Mare di Montego Bay (trattato internazionale che definisce i Diritti e le responsabilità degli Stati nell'utilizzo dei mari e degli oceani, definendo linee guida che regolano le trattative) e limitatamente alle violazioni delle leggi di immigrazione vigenti. (AP Photo/Salvatore Cavalli)

Decreto sicurezza bis: la legge, punto per punto

Giro di vite per le navi che soccorrono migranti nelle acque italiane, ma anche per chi partecipa a manifestazioni pubbliche e sportive e più tutele per le Forze dell'Ordine: sono questi i punti fondamentali del Decreto Sicurezza bis, approvato dal Senato nella serata del 5 agosto. Vediamo nel dettaglio cosa prevede il provvedimento fortemente voluto dal ministro dell'Interno Matteo Salvini.

VIDEO - Decreto e Sicurezza, Daspo più duro

VIDEO - Decreto sicurezza, Taser e Polizia locale

VIDEO - Decreto sicurezza, ONG e migranti

VIDEO - Decreto e Sicurezza, Pugno duro con i manifestanti