Dl sicurezza, Bonino: non vanno modificati, vanno aboliti

Pol/Gal

Roma, 13 gen. (askanews) - "I decreti sicurezza non saranno aboliti da questo esecutivo. PD e Italia Viva sembrano più preoccupati dalle conseguenze di uno scontro all'interno della maggioranza che dal contenuto di questi provvedimenti e dallo scandalo della loro immodificabilità, anche dopo l'uscita di Salvini dal Viminale. D'altra parte, piccoli e limitati aggiustamenti non cambierebbero praticamente nulla degli effetti e della pericolosità di queste leggi manifesto del salvinismo". Lo dichiara la leader di Più Europa, Emma Bonino .

"La cosa non sorprende. Il nuovo esecutivo è nato sulla base dell'impegno, assunto dal M5S, e accettato dagli altri partner di maggioranza, di non toccare nessuna delle cosiddette riforme approvate dal Conte 1. Per quello che mi riguarda - sottolinea Bonino - questa è semplicemente la conferma del fatto che non è possibile immaginare alcuna alternativa alla politica populista insieme al M5S. Peraltro, oltre ai decreti sicurezza questa maggioranza continua a eludere il tema dell'integrazione di oltre mezzo milione di stranieri che vivono e lavorano in Italia e in base alle leggi in vigore non possono avere uno status legale, come è invece richiesto dalla proposta di legge di iniziativa popolare 'Ero straniero' di modifica della legge Bossi Fini, che ho promosso insieme a Radicali italiani con una vasta coalizione di associazioni e che - conclude la leader di Più Europa - è da oltre due anni depositata in Parlamento".