Dl sisma, Ceriscioli: novità positive ma serve uno scatto in più -2-

Gtu

Roma, 21 ott. (askanews) - "Oggi chi lavora all'ufficio speciale per la ricostruzione o nei Comuni - ha spiegato il presidente della Marche Ceriscioli - è un precario e se non ha una prospettiva davanti, dopo che si è formato, rischiamo di buttare a mare esperienze e competenze che servono, sono pochi quelli che ci lavorano e se quei pochi li facciamo andar via non è un bel segnale"; e su questo e altro c'è apertura: "L'impegno del premier nella fase di ricovenrsione è quello di andare a toccare tanti aspetti che non sono presenti nella bozza iniziale, uno è proprio questo punto", quello dei precari che si occupano di ricostruzione, "l'altro è quello della ricostruzione pubblica, non ci sono indicazioni sulla ricostruzione pubblica noi continueremmo a operare, stando al decreto, con norme ordinarie e sappiamo con le procedure ordinarie quanto tempo ci vuole per fare un'opera pubblica nel nostro Paese, non è possibile".

In particolare "nelle Marche sono mille le opere pubbliche finanziate, quello che abbiamo visto in questi mesi è che quelle che hanno norme più semplici, che valgono di meno in termini di importo economico, sono andate avanti, come si superano certi soglie in termini di investimento i rallentamenti sono enormi, perché le procedure richiedono mesi, mesi e mesi ". Quindi - ha sottolineato il presidente delle Marche - "adesso speriamo che nella riconversione sia un punto che verrà toccato". Altra mancanza sono "gli strumenti di rilancio", come la zona franca urbana o le zone economiche speciali, "temi non toccati dal decreto e per noi sono la terza gamba della ricostruzione", ma anche su questo punto Conte ha fatto aperture, prospettando anche qui aggiunte in sede di riconversione".

In conclusione il giudizio sul decreto terremoti è "buono quel che è stato scritto ma limitato rispetto a tutte le necessità, e dopo 3 anni a ritmi che ormai sono conclamati per la loro lentezza assoluta, per la ricostruzione pubblica e privata serve uno scatto più forte, e speriamo che in sede di riconversione questo si veda".