Dl sisma, Mazzetti (Fi): governo in grave ritardo rispetto a urgenze

Pol/Luc

Roma, 28 nov. (askanews) - "Il dl sisma è il secondo decreto sul terremoto del 2016 di questa legislatura. Le norme approvate negli ultimi tre anni non sono riuscite a dare risposte soddisfacenti alle popolazioni che aspettano ancora risposte concrete dal governo centrale. Da questo decreto legge sul sisma ci aspettavamo uno scatto d'orgoglio, che purtroppo non c'è stato. Il testo presentato a fine ottobre era davvero stupefacente per la sua inconsistenza: 9 articoli, poche norme, e praticamente nessuna risorsa finanziaria. Eravamo davanti ad un testo per nulla coerente con le tante e legittime richieste delle comunità, degli amministratori locali, delle categorie economiche e delle reti professionali. Oggi il provvedimento è decisamente migliorato, soprattutto grazie al contributo di Forza Italia". Lo afferma in una nota Erica Mazzetti, deputata di Forza Italia.

"Voglio evidenziare alcuni dei nostri emendamenti che sono stati approvati in Commissione Ambiente. È stato approvato l'emendamento di Simone Baldelli, e sottoscritto da tutti i gruppi parlamentari, che destina i risparmi dell'ultimo anno di Montecitorio alle popolazioni colpite dal terremoto. Sono 100 milioni che si sommano, per le stesse finalità, ai risparmi della Camera degli anni scorsi. Inoltre, riguardo alle norme inerenti la rimozione delle macerie a seguito di eventi sismici, abbiamo previsto che le varie frazioni di rifiuto, siano private del materiale contenente amianto e di altre sostanze pericolose. Infine abbiamo previsto che la destinazione urbanistica dell'area dei centri storici debba restare ad uso pubblico o comunque di pubblica utilità. Forza Italia si aspettava dal governo risposte immediate, siamo stati responsabili, come ci ha insegnato il presidente Berlusconi. Ma occorreva un cambio di passo, che non c'è stato nei modi e nelle forme che ci aspettavamo. Per questo, oggi, noi di Forza Italia ci siamo astenuti in Aula", conclude.