Dl sostegni: Vezzali, 'conferma attenzione allo sport del Governo Draghi'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 20 mag. – (Adnkronos) – “Si tratta di un intervento importante ed atteso che conferma l’attenzione che il Governo Draghi rivolge al variegato mondo dello sport. All’anticipo delle riaperture delle palestre ed alla calendarizzazione delle riaperture degli impianti sportivi al pubblico, si aggiunge oggi un intervento economico particolarmente incisivo. Le Asd e le Ssd che erano rimaste escluse dal precedente Decreto, possono adesso contare su un fondo di ben 180milioni di euro per l’erogazione di contributi a fondo perduto. Abbiamo poi confermato gli impegni assunti sia nei confronti delle società sportive professionistiche e dilettantistiche che hanno, per garantire il proseguo dei campionati, sostenuti importanti costi per le spese sanitarie, ma anche e soprattutto nei confronti dei collaboratori sportivi". Così la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio con delega allo sport Valentina Vezzali in merito agli interventi destinati allo sport per affrontare il periodo della ripartenza e del rilancio previsti del Dl 'sostegni bis'.

"In tal senso -prosegue la portabandiera azzurra a Londra 2012-, oltre alla previsione economica, abbiamo accolto le diverse proposte giunte anche attraverso i social: tra questi la distinzione nell’erogazione dei contributi per singola mensilità, che evita così di penalizzare quanti hanno ripreso la loro attività alla riapertura degli impianti o che nel frattempo avevano trovato parziali fonti di reddito per una sola mensilità, e la determinazione delle indennità non più basata su quanto dai singoli dichiarato sulla piattaforma messa a disposizione da Sport e Salute, ma direttamente attraverso i dati dell’Agenzia delle Entrate, per garantire così l’assenza di errori di compilazione o altri tipi di inconvenienti. In più, grazie alla collaborazione del Ministro del Lavoro, Andrea Orlando, è stata risolta l’annosa vicenda legata alle incongruenze Inps che permetterà ad 11.500 collaboratori sportivi di ricevere i contributi spettanti e bloccati da diversi mesi".