Dmitri Medvedev si scaglia contro gli Occientali

russia dmitri medvedev
russia dmitri medvedev

L’ex presidente della Russia, Dmitri Medvedev, ha attaccato pesantemente l’Occidente per le scelte fatte durante questi mesi di conflitto in Ucraina.

Dmitri Medvedev durissimo contro l’Occidente

L’ex presidente russo, e ora vice-capo del Consiglio di Sicurezza della Federazione, Dmitri Medvedev, non ha usato mezzi termini e si è scagliato in maniera durissima contro l’Occidente, giustificando così i suoi tanto discussi post su Telegram:

«Mi viene spesso chiesto perchè i miei post su Telegram sono così duri… la risposta è che li odio. Sono dei bastardi e degenerati. Vogliono la nostra morte, quella della Russia. Finchè sono vivo, farò di tutto per farli sparire».

Il motivo dell’odio di Medvedev nei confronti dell’Occidente

L’ex capo di Stato ha apertamente mostrato di non gradire le azioni intraprese dall’Europa durante il conflitto in Ucraina. Come se non bastasse, è da poco arrivato il sesto pacchetto di sanzioni alla Russia. Secondo Medvedev in ogni caso, l’Ue non è pronta ad abbandonare il petrolio russo, e ne rimarrà dipendente ancora per molto:

«Non c’è modo di abbandonare immediatamente il nostro petrolio. Ora gli europei dovranno setacciare il mondo alla ricerca di materie prime della stessa qualità. In tal modo, dovranno affrontare una carenza di alcuni tipi di carburante, come il diesel, necessario per i camion e le attrezzature agricole. E sanno che dovranno inoltre trovare schemi “grigi” per ottenere le nostre materie prime e in qualche modo pagarle, aggirando le loro stesse idiote sanzioni».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli