Documenti soppressi o sottratti, assolto a Roma ex 007 dell'Aisi

Nav

Roma, 12 feb. (askanews) - Il fatto non sussiste. Con questa formula di assoluzione è finito il processo davanti alla I corte d'assise di Roma per l'ex 007 dell'Aisi Francesco Sarcina, maresciallo dei carabinieri in pensione, accusato dalla procura di Roma del reato di "soppressione, falsificazione o sottrazione di documenti concernenti la sicurezza dello Stato".

I giudici hanno accolto di fatto le ragioni dei difensori di Sarcina, gli avvocati Cristina Michetelli ed Aurelio Cannatelli, per i quali il possesso in casa di quei documenti, provenienti dalla stessa Agenzia per la sicurezza interna, dove l'imputato aveva prestato servizio fino a pochi anni fa, non ha nulla a che vedere con la sicurezza dello Stato, non essendo quelle carte mai state classificate come segrete.

Al massimo - a parere della difesa - quella detenzione poteva essere oggetto di un procedimento disciplinare. La Procura, invece, in sede di requisitoria, aveva sollecitato una condanna dell'imputato a nove anni.