Documenti sottratti, reclusione, botte, minacce anche davanti ai figli ed accattonaggio forzoso

·2 minuto per la lettura
Un 57enne aveva ridotto in schiavitù la moglie
Un 57enne aveva ridotto in schiavitù la moglie

Orrore a Messina, dove una moglie veniva picchiata, violentata e ridotta in schiavitù dal marito, un 57enne già ai domiciliari che è stato arrestato con accuse gravissime. Accuse profilate dalla Procura per riduzione in schiavitù, violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni personali. La vittima, purtroppo come tante altre avrebbe subito queste angherie barbare per molto tempo, fino a decidersi a denunciare lo sconcio. E secondo la velina che spiega quel tremendo fatto la goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso sarebbe stata di quelle davvero estreme.

Moglie ridotta in schiavitù e stuprata: arrestato il marito. I documenti sottratti

Quale? Quella per cui l’arrestato aveva perfino sottratto i documenti di identità della moglie e l’aveva chiusa in casa, in modo da impedirle ogni possibilità di sottrarsi a quell’orrore quotidiano e riducendola di fatto ad una schiava. In vicende simili passare dallo scalpore all’orrore è un attimo. Assieme alla donna condividevano quella situazione di degrado anche i figli, testimoni diretti ed a volte vittime anche loro di quegli insulti, di quelle minacce che spesso erano anche di morte. E chi avrebbe mai potuto dubitare del fatto che un uomo capace di ridurti in schiavitù e di violentarti a suo piacere sarebbe stato capace di attuarle, quelle minacce?

Moglie ridotta in schiavitù, minacciata davanti ai figli e stuprata dal marito: arrestato

E ancora, nel rosario degli orrori, comparivano epiteti di ogni tipo alternati a “gravi atti di violenza fisica e psichica, quali sputi, calci, schiaffi e percosse con bastoni o altri oggetti contundenti, spesso subiti dalla donna alla presenza dei figli minori e persino quando era in stato di gravidanza”. Quella vera e propria escalation di nefandezze era stata registrata da indagini meticolose, indagini che avevano accertato come la donna fosse costretta “a subire atti sessuali e obbligata all’accattonaggio”.

Moglie ridotta in schiavitù e stuprata: marito arrestato e condotto a Castelvetrano

Alla vittima erano stati persino sottratti i documenti di identità ed era stata chiusa a chiave in casa e impedito ogni tipo di spostamento”. A quel punto sono scattate le manette per un orco che aveva già roba a stringergli i polsi, anzi le caviglie. Il 57enne infatti, fanno sapere i media locali, era “già sottoposto agli arresti domiciliari con obbligo di braccialetto elettronico per il reato di maltrattamenti in famiglia”. Insomma, un recidivo in quanto a barbarie. A quel punto e tenendo conto di quelle nuove condotte criminali che assolutamente non legavano con la misura minima applicata, condotte ben più gravi, il 57enne è stato arrestato e condotto nel carcere di Castelvetrano, a sognare quella libertà che lui aveva tolto alla moglie.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli