##Dodici debuttanti al governo, tutti i volti nuovi del Conte bis -4-

Rea

Roma, 4 set. (askanews) - Vincenzo Spadafora, neo ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, è nato ad Afragola nel 1973. I suoi esordi in politica sono del 1998, nella segreteria del presidente della Regione Campania Andrea Losco (Udeur). Lavora poi nella segreteria dei Verdi di Alfonso Pecoraro Scanio e nel 2006 diviene capo segreteria di Francesco Rutelli al Ministero dei Beni Culturali. Il 29 novembre 2011 viene nominato primo garante per l'infanzia e l'adolescenza. Nel 2016 entra a far parte dello staff di Luigi Di Maio, di cui diventa responsabile delle relazioni istituzionali, per poi essere eletto deputato con il M5s. Nel Conte I era sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alle Pari opportunità, scontrandosi spesso con il ministro per la Famiglia, il leghista Fontana.

Teresa Bellanova, pugliese classe 1958, guiderà l'Agricoltura. E proprio nell'agroalimentare inizia la sua attività di sindacalista nella Cgil, occupandosi di braccianti e di lotta al caporalato. Nel 2006 arriva la prima elezione con l'Ulivo, mentre nel 2014 il primo incarico di governo, sottosegretario al Lavoro. Due anni dopo sarà promossa viceministro allo Sviluppo Economico.

Lorenzo Fioramonti, professore Ordinario di Economia Politica all'Università di Pretoria (Sudafrica), è stato eletto deputato nel 2018 con il M5s, e da viceministro al Miur nel Conte I arriva ora a guidare lo stresso ministero. Tra i suoi settori di interesse nella ricerca scientifica, è lui stesso a segnalare iparadigmi economici alternativi e la governance dei beni comuni.