Una “passeggiata spaziale” per installare l’antenna Esa “ColKa” sull’ISS

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 gen. (askanews) - È prevista per mercoledì 27 gennaio 2021, la "Passeggiata spaziale" per installare sulla Stazione spaziale internazionale la nuova antenna italo-inglese dell'Agenzia spaziale europea (Esa) "ColKa" (Columbus Ka-band terminal) che garantirà l'invio e la ricezione ultraveloce di dati in banda larga, assicurando comunicazioni più veloci ed affidabili e in tempo reale con le stazioni di terra e i laboratori di ricerca in Europa.

Nella Eva (extra vehicular activity) saranno impegnati gli astronauti Nasa, Michael Hopkins e Victor Glover, guidati da terra dall'astronauta danese dell'Esa, Andreas Mogensen.

Il sistema "ColKa" collegherà il modulo Columbus all'European Data Relay System, satelliti in orbita geostazionaria a circa 36mila Km d'altezza che, a loro volta, trasferiranno una grande mole di dati alle stazioni terrestri. Ciò consentirà uplink e downlink molto più veloci, fino a 50 mbit/s, tra il segmento europeo della Stazione Spaziale e i ricercatori europei sulla Terra.

In particolare l'antenna, grande come un frigorifero, trasmetterà dati scientifici ai ricercatori di tutta Europa e del mondo tramite la stazione radio di Harwell, in Regno Unito, vicino al Centro europeo per le applicazioni spaziali e le telecomunicazioni dell'ESA. Da lì i dati saranno trasferiti al Centro di controllo Columbus e tutta l'Europa.

A bordo di "ColKa" c'è anche tecnologia italiana, grazie al coinvolgimento dell'azienda Kayser Italia che l'ha realizzata assieme a un partner britannico.

Il know-how acquisito dalla progettazione, costruzione e gestione di "ColKa", inoltre, sarà determinante per le comunicazioni del modulo "ESPRIT" del Lunar Gateway, la stazione cislunare che farà da base d'appoggio per le missioni umane "Artemis" sulla Luna.

Oltre a installare il "ColKa", infine, gli astronauti impegnati nella Eva completeranno anche il cablaggio e l'installazione della piattaforma scientifica "Bartolomeo", sempre all'esterno del Columbus.

Si tratta di un nuovo sistema in grado di fornire un accesso diretto end-to-end agli esperimenti a bordo dell'Iss per la nuova comunità di start-up e imprenditori del settore aerospaziale.