Domani sciopero Tpl, a Milano dalle 8:45 alle 15 e dalle 18

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 25 mar. (askanews) - I sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uilt-Uil hanno proclamato per domani, venerdì 26 marzo, uno sciopero nazionale di 24 ore del trasporto pubblico locale per ottenere il rinnovo del contratto nazionale scaduto il 31 dicembre 2017. La decisione, si legge in una nota congiunta delle segreterie lombarde delle tre sigle, è stata assunta in seguito alla "totale chiusura" di stamani delle associazioni datoriali Asstra, Agens e Anav, di proseguire il confronto negoziale avviato a novembre del 2020.

"Non comprendiamo come lavoratori ritenuti indispensabili nei momenti di crisi possano rimanere inascoltati quando chiedono il rispetto di un diritto elementare come quello del rinnovo contrattuale" hanno scritto i sindacati. A Milano la mobilitazione dei lavoratori riguarderà i servizi di Atm dalle ore 08:45 alle 15:00; e dalle 18 a fine servizio.

"Come abbiamo più volte ribadito, il settore soffre di una fragilità endemica alimentata da un frazionamento aziendale che difficilmente potrà trovare una soluzione interna; per questo auspichiamo che il negoziato con le associazioni datoriali faccia del Ccnl un elemento regolatore del settore, per dare una risposta più efficace alla domanda di mobilità, pubblica e sostenibile, che arriva dai cittadini" hanno aggiunto.

"In Lombardia abbiamo una ragione in più per scioperare: la mancanza di un coordinamento fra istituzioni e la totale assenza di Regione Lombardia nella gestione di un servizio essenziale come il trasporto dei cittadini lombardi" hanno concluso i sindacati.